東京ゴッドファーザーズ ~ Tokyo Godfathers

Tokyo Godfathers

Anno: 2003
Durata: 92 min
Genere: Familiare/Drammatico
Regia: Satoshi Kon e Shôgo Furuya
Sceneggiatura: Satoshi Kon e Keiko Nobumoto
Casa di produzione: Madhouse

Trama: Un film natalizio, da gustarsi sul divano con una bella coperta ad avvolgerci e perchè no, un’abbondante tazza di cioccolata calda. Tokyo Godfathers, il nome è davvero particolare. Di cosa potrebbe mai parlare? Direi un argomento piuttosto rivisitato nei film sia d’animazione che non: la famiglia. Questa volta però, lo vediamo dal punto di vista di un gruppo di senzatetto curiosamente assortito, un uomo di mezza età, un travestito e una ragazza di quindici anni. Ve l’avevo detto fosse un pò bizzarro!
E’ la notte di Natale, Tokyo è avvolta da un bianco, soffice manto di neve.
Dopo la messa le persone corrono nelle loro accoglienti casa e i bambini, ancora svegli, attendono di poter scartare i loro regali. I nostri protagonisti invece litigano al freddo, in mezzo all’immondizia per cercare di scovare qualcosa di interessante da potersi regalare l’un l’altro. A quanto pare però, la notte di Natale è davvero magica come dicono, o per lo meno lo è per loro. Tra la spazzatura infatti trovano una bella bambina di pochissimi giorni, che piangendo aveva cercato disperatamente di attirare la loro attenzione. Inutile dire la felicità del travestito, che sempre aveva sognato di poter diventare madre.  Dopo qualche minuto, la bambina ha già un nome Kyoko e nella loro casa di cartone viene accuratamente sfamata con del buon latte caldo. La situazione seppur drammatica, in teoria è semplice da risolve, dovrebbero recarsi alla polizia e denunciare il ritrovamento. Ma sebbene Jin e Miyuki siano di quest’idea, la nostra madre improvvisata Hana, non è assolutamente d’accordo perchè vede il ritrovamento della bambina come un regalo del signore inviato apposta per lei. Dopo una lunga discussione la mattina seguente, Hana sembra sia riuscita a mettere ordine nella sua mente. Decide quindi che il loro compito, sarebbe stato quello di ritrovare la vera madre di Kyoko. Se questa avrebbe avuto una motivazione “valida” per abbandore la bambina gliel’avrebbe restituita in caso contrario l’avrebbe tenuta con se. Si pare così all’avventura, con pochi soldi in tasca e poco cibo. Vedremo i veri volti di Jin, Hana e Miyuki, le loro storie e come siano arrivati ad essere dei senzatetto. Vedremo come una bambina così fortunata da essere sopravvissuta tra i rifiuti in una notte fredda come quella di Natale, saprà ringraziare i propri salvatori forse, con un po’ di magia. Un film che riesce a bilanciarsi bene tra dramma e ironia. Si guarda rapiti l’evolversi degli eventi che piano piano, intrecciano irrimediabilmente le vite di tutti i suoi personaggi.

Download: Tokyo Godfathers

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

注意 ~ Attenzione!

Il blog e la pagina facebook di "ヒデタの世界 ~ hideta no Sekai", sono protetti ai sensi della Legge n.663 del 22/04/1941 [Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio] così come modificata ed integrata dalla Legge n.128 del 22/05/2004. Tutti i testi e le foto originali (salvo ove specificato) contenute nel sito sono di proprietà esclusiva dell'autore. Pertanto sono severamente vietati l'uso, la riproduzione, la trasmissione e la diffusione di qualsiasi parte ed oggetto del sito, senza il consenso scritto ed esplicito dell' autore. © 2012 Hideta no Sekai all Rights Reserved. Powered by WordPress e Hyun Joong hideta

Readers ~読んでる人

Twitter

Errore: Twitter non ha risposto. Aspetta qualche minuto e aggiorna la pagina.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: