達磨 ~ Daruma

DarumaDall’aspetto un po’ inquitante, dato il bianco intenso dei loro occhi, queste piccole e alle volte imponenti bamboline rosse hanno un dono unico e raro: realizzano i desideri!
E non guardatemi storto credendo che non vi veda, perchè non vi sto rigirando la solita credenza da due soldi che si nasconde dietro al mercato culturale. A me è successo.
Prima di tutto dovete sapere che i 達磨 (Daruma) dette anche bambole Dharma, hanno una forma tondeggiante, non hanno né braccia né gambe, solo un’immensa testona raffigurante il volto roseo di un uomo perennemente arrabbiato. Due sopracciglia folte e minacciose, grandi baffi, una generosa barba e due occhi bianchi come fossero ciechi. Si dice che rappresentino la figura di Bodhidharma, monaco buddhista indiano ritenuto il patriarca di questa religione.  Solitamente possono essere acquistati presso i templi e in negozi nelle loro vicinanze, per la modica cifra di 500¥ (circa 3,80€) a salire se lo si desideri di una dimensione maggiore. La loro grandezza infatti può variare dai 5 cm ai 60 cm e i colori più frequenti sono il rosso, giallo, verde e bianco. Ma com’è che funzionano di preciso? Per esprimere il desiderio, dobbiamo disegnare un occhio alla piccola bambola, nel momento preciso in cui viene formulato e solo quando si sarà realizzato, (non vi è un tempo preciso) solo allora dovremo colorare il secondo occhio. Io penso che il Daruma riesca a realizzare i nostri desideri proprio come segno di ringraziamento. In fondo i nostri sogni, le nostre speranze donano loro la vista. Il loro vero potere inoltre, è quello di saper guardare proprio con quel loro piccolo occhio nero, se il nostro desiderio sia meritevole o meno di essere esaudito. Non credo che tutti i desideri possano esserlo tanto meno che questa “fortuna” possa capitare a tutti ma quei desideri, quelli carichi di disperazione, amore, delle emozioni più intense, quel singolo occhio può vederle e farà del suo meglio per realizzarli.

Daruma

Ogni volta che sto per aprire il frigorifero lo vedo, vedo quel vecchio calendarietto del 2011 regalatomi da Ayako il tre Gennaio di quell’anno nuovo a Firenze.
Il piccolo daruma con i suoi grandi occhi neri mi osserva o come dico io, mi tiene d’occhio. Sotto, un po’ consumata dal tempo, si riesce ancora a leggere ciò che scrissi, quel desiderio intriso di speranza, disperazione a amore:

今年日本に行きますように
(Kotoshi Nihon ni ikimasu you ni)
“Affinché quest’anno possa andare in Giappone”

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

注意 ~ Attenzione!

Il blog e la pagina facebook di "ヒデタの世界 ~ hideta no Sekai", sono protetti ai sensi della Legge n.663 del 22/04/1941 [Protezione del diritto d'autore e di altri diritti connessi al suo esercizio] così come modificata ed integrata dalla Legge n.128 del 22/05/2004. Tutti i testi e le foto originali (salvo ove specificato) contenute nel sito sono di proprietà esclusiva dell'autore. Pertanto sono severamente vietati l'uso, la riproduzione, la trasmissione e la diffusione di qualsiasi parte ed oggetto del sito, senza il consenso scritto ed esplicito dell' autore. © 2012 Hideta no Sekai all Rights Reserved. Powered by WordPress e Hyun Joong hideta

Readers ~読んでる人

Twitter